Come si presenta la pelle del bambino?

La pelle dei più piccoli poiché immatura, si caratterizza per essere sensibile, sottile e fragile, non ancora in grado di svolgere appieno il suo ruolo di barriera difensiva e protettiva. Questo comporta una maggior suscettibilità alle aggressioni degli agenti irritanti esterni e una maggior propensione a secchezza, desquamazioni e arrossamenti. Per rafforzarsi e maturare la funzionalità di barriera necessita di un paio di anni, rimanendo però sempre più delicata rispetto a quella dell’adulto.

Struttura e caratteristiche
della pella del bambino

La pelle del bambino, quindi, non ha ancora tutte le funzionalità che la caratterizzeranno in futuro.

  • Il film idrolipidico protettivo non è del tutto formato a causa della bassa attività delle ghiandole sebacee ancora non completamente sviluppate. Ne consegue una maggior vulnerabilità alle aggressioni esterne e un’aumentata tendenza alla secchezza e alla disidratazione.
  • Lo spessore dello strato corneo è più sottile rendendo la pelle più permeabile agli agenti esterni.
  • Appena nati, i bambini hanno un pH neutro che tende a diventare acido con il passare degli anni. Questo contribuisce a rendere la loro pelle più suscettibile a infezioni e irritazioni perché meno protetta contro l’eccessiva crescita microbica.
  • Infine, la secrezione di sebo e la sudorazione sono insufficienti indebolendo ulteriormente le capacità difensive della pelle.

Le problematiche più diffuse
della pelle del bambino

Le manifestazioni cutanee più frequenti e che causano le problematiche più frequenti nei bambini:

Dermatite da pannolino
È un problema molto diffuso tra i bambini, soprattutto nel primo anno di vita.

Si tratta di una forma di dermatite da contatto causata dal contatto con feci e urina in un ambiente caldo-umido come quello del pannolino, che favorisce la proliferazione batterica e porta ad arrossamento, prurito e vescicole.

In questo caso sono molto utili trattamenti con prodotti emollienti che normalizzano la pelle danneggiata e aiutano a preservare e a rafforzare la barriera cutanea, riducendo al contempo i fastidi cutanei. La guarigione si accelera anche con risciacquo con acqua tiepida dopo ogni cambio e con l’utilizzo di detergenti specifici. Importante è inoltre asciugare molto bene la cute prima di rimettere il pannolino pulito

Dermatite atopica
La dermatite atopica è il disturbo dermatologico più diffuso ed è in forte aumento tra i bambini. Si manifesta precocemente, per poi regredire tendenzialmente con l’età.

È una dermatite pruriginosa con evoluzione cronico-recidivante e iper-reattività cutanea che si manifesta in soggetti predisposti geneticamente.

È caratterizzata da un’infiammazione della pelle indotta da un rilascio eccessivo di radicali liberi: la pelle risulta molto secca e ruvida al tatto, spesso ricoperta da placche rosse o piccole squame accompagnate da prurito anche molto intenso.

Compare in modo simmetrico sul volto e/o sul corpo: le zone più colpite sono l’area intorno alla bocca, le pieghe del gomito, i polsi, le pieghe posteriori del ginocchio, ecc.

Nella maggior parte dei pazienti con dermatite atopica, la terapia topica con emollienti e/o agenti anti-infiammatori è sufficiente a controllare la malattia, ma non va dimenticato che il percorso è lungo e spesso vede l’alternarsi di periodi di benessere a periodi di peggioramento

Irritazioni localizzate
Si tratta di un quadro infiammatorio cutaneo, spesso causato da fattori climatici (come il freddo) o da stimoli biologici (come il sudore) che alterano la barriera cutanea. Spesso si rendono evidenti come aree cutanee arrossate e/o desquamate, localizzate su volto, labbra (danno da freddo) o nelle pieghe cutanee (danno da sudore).

La terapia topica con emollienti e lenitivi è generalmente risolutiva

Consigli sulla scelta dei prodotti
per queste problematiche

Poiché la salute del bambino dipende anche dal buon funzionamento della barriera cutanea, è necessario scegliere con cura i prodotti per la cura e l’igiene della sua pelle, assicurandosi di utilizzare trattamenti mirati ed efficaci adatti alle sue esigenze.

Prodotti topici
Tra i prodotti topici, sono particolarmente indicati quelli emollienti, idratanti e con proprietà antiossidanti perché, se usati quotidianamente, hanno un’azione protettiva che rigenera e rafforza il film idrolipidico.

Da un lato gli emollienti, grazie ai lipidi di cui sono composti, riducono l’insorgenza di dermatiti e secchezza poiché idratano e mantengono la pelle elastica, proteggono l’integrità dello strato corneo e della barriera cutanea e prevengono la perdita d’acqua e la disidratazione. Dall’altro gli antiossidanti la pelle più forte nei confronti degli agenti irritanti perché interrompono l’aumento di produzione di radicali liberi.

Detersione
Sui bambini è bene utilizzare detergenti estremamente delicati, senza SLES o sostanze aggressive e potenzialmente irritanti così da rispettarne il pH e il delicato equilibrio cutaneo. Una detersione aggressiva, infatti, impoverisce ulteriormente il film idrolipidico, rende la pelle più indifesa, più fragile e più esposta all’insorgere di secchezza e rossori.

Il prodotto ideale deve assicurare una detersione accurata ed allo stesso tempo garantire un’elevata tollerabilità cutanea: non deve cambiare il mantello acido protettivo della superficie della pelle, deve avere un pH neutro o leggermente acido, essere senza sapone, non irritare la pelle né gli occhi del bambino e, per avere un ulteriore effetto protettivo, deve contenere sostanze emollienti che mantengano la pelle morbida e idratata.